LIBIA (RM) AFFITTO LOCALE COMMERCIALE

Roma Africano Affitto Locale

Roma Africano Affitto Locale

Roma Africano affitto locale. Proponiamo in affitto locale commerciale completamente ristrutturato di 155 mq con 2 vetrine. Nuovo impianto elettrico e aria condizionata. Disponibilità immediata.

Galleria Fotografica

Questo slideshow richiede JavaScript.

>> Guarda le Fotografie a tutto Schermo >>

Planimetria (roma africano affitto locale)

Roma Africano Affitto Locale

Mappa (roma africano affitto locale)

Scheda (roma africano affitto locale)

Città: Roma
Quartiere: Africano
 Via Nemorense
 Intera proprietà
 C/1
 Ristrutturato
 155
 1
 2
 – di 5 m
 Non è possibile installarla
 Terra
 1
 1
Aria condizionata: si
Impianto elettrico: nuovo
 G
 138,79
 Immediata
 No
Locazione: 4.500 euro*
Scaletta agevolazione entrata:
Primo anno 3.900 euro
Secondo anno 4.200 euro
Dal terzo anno in poi 4.500 euro
*Verranno valutate proposte differenti in funzione del Brand.

Referente (roma africano affitto locale)

Alessandro Simone 

alessandro.simone@vetrinafacile.it

388.24.61.203

Alessandro Simone miglior professionista immobiliare a Roma

Linkedin

Portfoglio Immobili

WhatsApp


Curiosità quartiere Trieste

Trieste è il diciassettesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XVII.

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 2E del Municipio Roma II di Roma Capitale.

L’area est del quartiere è nota come Quartiere Africano, per la presenza di odonimi relativi alle colonie del Regno d’Italia.

Si trova nell’area centro-nord della città.

Il quartiere confina:

  • a nord con la zona Z. I Val Melaina
  • a nord-est con il quartiere Q. XVI Monte Sacro
  • a sud-est con il quartiere Q. V Nomentano
  • a sud-ovest con il quartiere Q. IV Salario
  • a nord-ovest con il quartiere Q. II Parioli

Storia (roma africano affitto locale)

Le prime testimonianze umane nella zona risalgono all’epoca preistorica, quando alcune popolazioni si stanziarono nell’area della Sedia del Diavolo e di Monte delle Gioie.

Posteriormente, in epoca storica, sul monte Antenne nacque un abitato sabino, i cui resti sono ancora oggi visibili; secondo la leggenda, Antemnae fu uno dei tre villaggi che subirono il celebre ratto delle Sabine.

Dell’epoca romana arcaica e repubblicana non si possiedono molte attestazioni, mentre la zona diventa molto frequentata a seguito della costruzione di numerose catacombe, fra cui le antichissime catacombe di Priscilla, sorte sulla villa della gens Acilia.

Inoltre nella zona si trova parte del percorso della via Salaria, strada consolare di enorme importanza che univa Roma a Porto d’Ascoli, così chiamata per il commercio di sale che vi avveniva; la strada moderna omonima segue però il tracciato della Salaria Nova, risalente ai tempi dell’imperatore Nerva.

Negli anni seguenti l’Editto di Milano (313 d. C.) fu costruita una monumentale basilica dedicata a S. Agnese, la cui villa di famiglia sorgeva sulla Nomentana.

Accanto ad essa, l’imperatrice Costanza fece edificare – nella seconda metà del secolo – il proprio mausoleo. A causa delle sue grandi dimensioni la basilica andò presto in rovina, tanto da indurre papa Onorio I (625-628) a commissionare l’attuale basilica in stile bizantino (Basilica di Sant’Agnese fuori le mura).

Attorno a questi due monumenti, nel corso del Medioevo e all’inizio del Rinascimento sarebbe sorto il complesso dei Canonici Regolari Lateranensi.

Durante il Rinascimento e i secoli successivi, nella zona dell’attuale quartiere sorgevano soltanto alcune ville nobiliari ed edifici rustici (casali); in uno di questi, sulla via Nomentana, soggiornò Giuseppe Garibaldi ai tempi della Repubblica Romana.

fonte wikipedia