QUANTO É REALE L’USO DEGLI NFT NEL SETTORE IMMOBILIARE?

NTF nel settore immobiliare vetrinafacile.it

Ultimo aggiornamento 25 Maggio 2022 da VetrinaFacile.it & Redazione

Quanto è reale l’uso degli NFT nel settore immobiliare?

Il settore immobiliare è stato storicamente considerato un ottimo investimento a lungo termine.

Sebbene i valori dei terreni stessi si siano apprezzati nel tempo, gli investitori hanno anche apprezzato il valore “reale” e duraturo insito nello “sporco”, che tende a rimanere al suo posto indipendentemente dall’ambiente economico. Sebbene la proprietà immobiliare nel mondo di oggi non sia più limitata alla terra vera e propria, la presenza e la permanenza della terra virtuale è meno definita. Mentre i contorni del Metaverso continuano a prendere forma, si pone la domanda: Quanto è reale il ruolo delle NFT nel settore immobiliare?

The Sandbox e gli altri

Nel maggio 2021, il fondatore di TechCrunch Michael Arrington ha messo in vendita il suo appartamento a Kiev, in Ucraina, come NFT (token non fungibile) attraverso la piattaforma immobiliare Propy. Aveva inizialmente acquistato la proprietà utilizzando la criptovaluta ether nel 2017, e la vendita successiva includeva protezioni per l’acquirente per garantire che i requisiti legali fossero soddisfatti. Nella vendita della proprietà sottostante, un NFT che avrebbe trasferito la proprietà della proprietà è stato elencato all’asta per un’offerta iniziale di 20.000 dollari, e successivamente venduto per oltre 93.000 dollari. Il sito web di Propy elenca ancora la vendita come “il primo NFT immobiliare al mondo”. Altre vendite e piattaforme hanno seguito l’esempio.

La più grande vendita immobiliare virtuale annunciata pubblicamente è stato un acquisto alla fine del 2021 per 4,3 milioni di dollari nel mondo Sandbox fatto da Republic Realm, una società che sviluppa terreni nel Metaverso. Si tratta di importi altissimi, più alti addirittura di alcune vincite ottenute sul sito record Casino777 casino online. Nel frattempo, Grayscale ha recentemente ipotizzato che il Metaverso “è stimato essere un’opportunità di guadagno da un trilione di dollari attraverso la pubblicità, il commercio sociale, gli eventi digitali, l’hardware e la monetizzazione degli sviluppatori/creatori”.

L’impatto delle tecnologie innovative nell’industria immobiliare non si limita alle proprietà virtuali; come dimostrato sopra, sta anche cominciando ad avere un impatto sul vecchio “sporco” reale. Una di queste innovazioni è l’uso di NFT per autenticare le vendite di proprietà reali e trasferire una varietà di diritti con quella proprietà. I proponenti sottolineano che un NFT può ridurre il rischio di frode, conservare il valore o i diritti e fornire la prova della proprietà. Numerose aziende mainstream ed emergenti, comprese quelle nel settore dei servizi finanziari, stanno esplorando modi per utilizzare la tecnologia blockchain per autenticare le transazioni. Gli NFT sono un’ulteriore iterazione della relativa funzionalità blockchain.

Tokenizzazione FO e EA

Attualmente esistono due tipi principali di tokenizzazione quando si tratta di beni immobili: proprietà frazionata (FO) e intero patrimonio (EA). La tokenizzazione FO è intrinsecamente semplice. Come in una piattaforma di crowdfunding o in altre strutture simili, gli investitori acquistano azioni nella proprietà i cui interessi vengono frazionati. Di conseguenza, ogni proprietario frazionato detiene token discreti che rappresentano quote del progetto e alcuni diritti, a seconda della struttura dell’investimento. La FO tokenization, fungibile o non fungibile, ha cominciato ad essere usata selettivamente nel settore immobiliare, proprio come esistono altri tipi di interessi di proprietà in fondi e aziende.

Questa struttura è simile a come molti investimenti immobiliari sono stati storicamente strutturati e commercializzati; tuttavia, ora questi interessi di investimento sono autenticati su una blockchain e possono essere memorizzati in un portafoglio (digitale) del proprietario. Questa struttura solleva la complicazione che tali token NFT potrebbero essere classificati come titoli, richiedendo la registrazione SEC per essere venduti agli investitori.

La EA tokenization si realizza quando l’atto di proprietà stesso viene trasformato in un NFT. Complicazioni e requisiti normativi hanno finora limitato l’adozione della EA tokenization. Per esempio, gli atti di proprietà reale sono attualmente trasferiti attraverso i registratori locali (impiegati di contea del governo), che non consentono trasferimenti abilitati alla blockchain a livello di atto. Così, quando le vendite di intere proprietà immobiliari avvengono attraverso un NFT, la registrazione tradizionale dell’atto stesso deve ancora seguire la procedura stabilita, quindi richiede un “raddoppio” dello sforzo quando si effettua il trasferimento. A lungo termine, gli NFT possono potenzialmente essere usati per certificare il titolo di proprietà o anche fornire un’opzione di acquisto di una particolare proprietà.

Conclusioni

Un’ultima parola sull’immobiliare online: I mondi online possono avere un valore enorme, come l’universo dei giochi multiplayer di massa ha ripetutamente dimostrato, ma, come per qualsiasi industria emergente, l’investitore deve fare la propria ampia due diligence e prima di rischiare i fondi. L’attuale mancanza di supervisione può essere sia un beneficio che un rischio, ma una cosa è certa: la SEC, il FinCEN e il Tesoro, tra le altre agenzie governative, stanno guardando aggressivamente questo settore.