LA COMPRAVENDITA IMMOBILIARE E LA VENDITA A PROVA

La compravendita immobiliare

La compravendita immobiliare è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa e il trasferimento di un altro diritto (usufrutto, superficie) verso il corrispettivo di un prezzo (articolo 1470 codice civile). Il contratto di compravendita è consensuale (è sufficiente il consenso delle parti per il perfezionamento del contratto) a prestazioni corrispettive (in quanto vincola i contraenti al puntuale ed esatto adempimento dell’obbligazione rispettivamente assunte in base al nesso di reciprocità o sinallagma) e a titolo oneroso.

Sono requisiti essenziali del contratto di compravendita:

  1. il consenso delle parti

  2. la causa – che deve sempre essere lecita

  3. il prezzo – determinato o determinabile

  4. la forma – la compravendita di beni immobili o la costituzione o modificazione di diritti reali richiede sempre la forma scritta a pena di nullità.

La trascrizione dell’atto di compravendita immobiliare serve a dare pubblicità al contratto rendendo l’atto opponibile a terzi. In assenza di pubblicità tra le parti, esso resta valida ed efficace, ma non può essere opposto ai terzi.

La vendita a prova

La vendita a prova si presume fatta sotto la condizione sospensiva che la cosa abbia le qualità pattuite o sia idonea all’uso cui è destinata. Di solito si applica ai beni immobili, quali macchinari industriali o merci, dotate di qualità speciali, ma può avere ad oggetto anche beni immobili dei quali si vogliono verificare la qualità.


TORNA ALLA HOME

Amazon le migliori offerte di oggi

 

Ultimo aggiornamento 12 Settembre 2019 da VetrinaFacile.it & Bacheca Immobiliare