ROMA AFRICANO VIALE ERITREA VENDITA QUADRILOCALE


Miniatura per l’immagine principale dell’inserzione
Contact Information
Contact Alessandro Simone
3923637775
TRIESTE - SOMALIA - SALARIO, ROMA (CITTA'), LAZIO, Italy
Vai al sito internet
Annuncio aggiornato: 23/11/2020
530,000.00 euro
Intera proprietà
128
  • Porta blindata
  • Balcone
G
127
More Information

--
VENDITA APPARTAMENTO VIALE ERITREA

Vendita appartamento viale eritrea. Tra il quartiere Trieste e il quartiere Africano in zona altamente commerciale e ben collegato alle linee di trasporto urbano ed a soli 4 minuti a piedi dalla FERMATA della Metro B "ANNIBALIANO" proponiamo in vendita appartamento sito al secondo piano con ascensore. Stabile in ottimo stato anni '60.

L'immobile si sviluppa su una superficie interna di 128 mq e così distribuiti: ingresso, disimpegno, salone con accesso al balcone più grande di circa 10 mq, cucina abitabile con secondo balcone, tre camere da letto matrimoniali e doppi servizi. Le condizioni interne sono ottime.

Appartamento molto luminoso, grazie alla tripla esposizione sud est e ovest.

Tra le finiture: porta blindata , infissi con doppi vetri, aria condizionata canalizzata, allarme e serrande elettriche.

Riscaldamento centralizzato con valvole per il conteggio dei consumi.

Il condominio è di € 127/mese.

Classe energetica "G" (175 kwh/mq).

Referente Alessandro Simone Red s.r.l. affiliato Frimm

Curiosità

Trieste è il diciassettesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XVII.

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 2E del Municipio Roma II di Roma Capitale.

L'area est del quartiere è nota come Quartiere Africano, per la presenza di odonimi relativi alle colonie del Regno d'Italia.

Le prime testimonianze umane nella zona risalgono all'epoca preistorica, quando alcune popolazioni si stanziarono nell'area della Sedia del Diavolo e di Monte delle Gioie. Posteriormente, in epoca storica, sul monte Antenne nacque un abitato sabino, i cui resti sono ancora oggi visibili; secondo la leggenda, Antemnae fu uno dei tre villaggi che subirono il celebre ratto delle Sabine. Dell'epoca romana arcaica e repubblicana non si possiedono molte attestazioni, mentre la zona diventa molto frequentata a seguito della costruzione di numerose catacombe, fra cui le antichissime catacombe di Priscilla, sorte sulla villa della gens Acilia.

Inoltre nella zona si trova parte del percorso della via Salaria, strada consolare di enorme importanza che univa Roma a Porto d'Ascoli, così chiamata per il commercio di sale che vi avveniva; la strada moderna omonima segue però il tracciato della Salaria Nova, risalente ai tempi dell'imperatore Nerva.

Negli anni seguenti l'Editto di Milano (313 d. C.) fu costruita una monumentale basilica dedicata a S. Agnese, la cui villa di famiglia sorgeva sulla Nomentana. Accanto ad essa, l'imperatrice Costanza fece edificare - nella seconda metà del secolo - il proprio mausoleo. A causa delle sue grandi dimensioni la basilica andò presto in rovina, tanto da indurre papa Onorio I (625-628) a commissionare l'attuale basilica in stile bizantino (Basilica di Sant'Agnese fuori le mura). Attorno a questi due monumenti, nel corso del Medioevo e all'inizio del Rinascimento sarebbe sorto il complesso dei Canonici Regolari Lateranensi.

Durante il Rinascimento e i secoli successivi, nella zona dell'attuale quartiere sorgevano soltanto alcune ville nobiliari ed edifici rustici (casali); in uno di questi, sulla via Nomentana, soggiornò Giuseppe Garibaldi ai tempi della Repubblica Romana.

fonte wikipedia
--

Non ci sono ancora commenti. Devi essere loggato per scrivere un commento.

'